Giugno 2005

BILANCI DI GIUSTIZIA
LETTERA DI INFORMAZIONE TRA GLI ADERENTI ALLA CAMPAGNA
N° 100 – GIUGNO 2005
Vari segnali ci indicano che il pianeta è sull’orlo del tracollo sociale e ambientale. Tuttavia, ci sono ancora dei margini di recupero e questo ci carica di una responsabilità particolare. La chiave della soluzione è racchiusa nella parola “sobrietà”, che interpella prevalentemente noi, opulenti del Nord. Solo accettando di produrre e consumare di meno potremo fermare il saccheggio del Sud del mondo, le guerre per l’accaparramento delle risorse, il degrado del pianeta e consentire agli impoveriti di costruire il proprio sviluppo.
Apparentemente, la sobrietà è solo una questione di stile di vita. In realtà, è una rivoluzione economica e sociale che manda in frantumi il principio su cui è costruito l’intero edificio capitalista. E’ il principio della crescita, invocato non solo dalle imprese, ma anche da chi si batte per i diritti, in base al credo che senza crescita non possa esistere sicurezza sociale né piena occupazione.
Fino a oggi nessuno ha osato mettere in discussione questo dogma e stiamo affogando nella nostra opulenza iniqua e violenta. Ma non è vero che l’unico sistema possibile si basi sulla crescita. Se riuscissimo a ridimensionare il ruolo del denaro e del mercato, ci renderemmo conto che è possibile costruire un’altra economia capaci di farci vivere bene pur disponendo di meno. Se riuscissimo ad avere un’altra concezione del lavoro, della ricchezza, della natura, della solidarietà collettiva, ci renderemmo conto che è possibile costruire un’altra società capace di coniugare sobrietà, piena occupazione e diritti fondamentali per tutti. Ecco perché la sobrietà è molto più di una filosofia di vita. E’ un progetto politico che si fa alternativa al sistema.
Abbiamo poco tempo a nostra disposizione.[…]
Nella nostra pratica quotidiana abbiamo imparato quanto sia importante fermare ogni sopruso e strappare al potere anche il più piccolo cambiamento. Ma abbiamo anche appreso che il lavoro di rattoppo è insufficiente: dobbiamo progettare l’alternativa.
<P ALIGN=RIGHT >da Francesco Gesualdi – Centro Nuovo Modello di Sviluppo
Sobrietà – dallo spreco di pochi ai diritti per tutti
Feltrinelli
Abbiamo aperto con questo grido profetico la nostra lettera numero 100. Per noi della Segreteria è un evento che non possiamo sottovalutare. Nelle 100 lettere di questi 12 anni abbiamo raccolto speranze, fatiche, imprecazioni e fiabe di tante famiglie che, senza aspettare che gli altri cambino, hanno voluto progettare un proprio processo di “giustizia” nel rapporto con le cose.
La Lettera è stata in questi anni il testimone della Rete che lentamente si è andata costruendo.
Molti vorrebbero cambiare il proprio stile di vita ma, come Bilanci, abbiamo capito che solo coltivando con cura rapporti, scambi e confronti con i gruppi locali avremmo avuto la forza di continuare e avremmo percepito il senso di ciò che si andava costruendo.
Abbiamo ora la consapevolezza di essere una primizia che preannuncia la possibilità di salvare la gioia di vivere nel nostro futuro.
Il tema della decrescita è la nuova frontiera verso cui stiamo camminando. All’Incontro Nazionale chiariremo modalità e proposte perché la nostra sperimentazione collettiva possa avanzare.
<P ALIGN=RIGHT >La Segreteria.

INCONTRO ANNUALE BILANCI DI GIUSTIZIA
ENERGIA OGGI E DOMANI
CONSUMIAMO MENO E PRODUCIAMO MEGLIO
LIGNANO SABBIADORO (UD) 26-28 AGOSTO 2005

Un posto centrale dell’Incontro Annuale è occupato dall’attività per i bambini che seguiranno percorsi differenziati per le varie fascie d’età, nello “stile bilancista”, cioè fatti con materiali semplici, di recupero, o recupero dei giochi di una volta.
Utilizzeremo anche le varie possibilità di strutture ricreative offerte dal Villaggio che ci ospita!

Bambini/e dai tre ai cinque anni, saranno seguiti dal gruppo di animatori coordinato da Renata di Trieste: i bimbi si immergeranno nelle favole. Giocheranno, canteranno, costruiranno, vivranno una fiaba che li porterà a far festa per la bellezza della natura e per la gioia dell’incontro con l’altro, nella semplicità di strumenti e materiali “sostenibili”.
Bambini/e dai sei agli otto anni, saranno seguiti dal gruppo di animatori coordinato da Carla e Lucina di Pordenore: i più grandi scopriranno i giochi solari, portando il loro contributo sul tema dell’incontro nazionale (l’Energia). Le attività spazieranno dai giochi di gruppo, alle attività manuali, ai momenti di animazione espressiva.
Ragazzi/e dai nove ai quattordici anni, saranno seguiti dal gruppo di animatori coordinato da Antonella e Marzio di Monfalcone: i ragazzi si avventureranno alla scoperta di cosa significa il consumo; la storia che c’è dietro ai prodotti e il loro zaino ecologico… piccoli bilancisti crescono!

<P ALIGN=CENTER>Se un libro vi è tanto piaciuto, provate a lasciarlo libero!!! Ai bambini e ragazzi proponiamo di portare un proprio libro che è piaciuto e lasciarlo “libero”. Ognuno potrà portarne a casa un altro che lo attira.

<P ALIGN=CENTER>!!!!!IMPORTANTE!!!!! Note tecniche:
L’affidamento (e la “ripresa”) dei bambini / ragazzi avverrà sempre fuori dalla sala mensa, dopo (e prima) dei pasti, ogni fascia d’età avrà un colore di riconoscimento.
E’ importante che i bambini siano già spalmati con la crema da sole, indossino il costume, maglietta / canotta, sandali o ciabatte e portino un secchiello, una paletta e una palla, il tutto deve essere riconoscibile (etichetta con il proprio nome).
Non dimenticatevi l’asciugamano e la cuffia, necessari, anche per i bambini, per poter andare in piscina.

INCONTRO ANNUALE ADOLESCENTI: OLTRE IL BILATREKKING

Dopo l’entusiasmante esperienza del BilaTrekking gli adolescenti si ritroveranno con Michele e Emilio, animatore friulano, per lavorare sul tema “ Esperienze di viaggio, racconti e immagini”.
E’ importante che ognuno abbia la bicicletta, se non potete portarvela si può affittare (a 4 euro al giorno). Indispensabile prenotare la bicicletta a Maddalena, maddalenacazzagon(at)libero(punto)it , tel.: 0432-575572 entro il 15 agosto.
Serve anche la disponibilità di alcuni computer, chi può disporre di un computer portatile lo comunichi sempre a Maddalena e lo porti.

PROGRAMMA INCONTRO ANNUALE

Venerdì 26

ore 16 Accoglienza
ore 18 I gruppi preparano la serata
ore 19.30 Cena
ore 21 Esposizione dati gruppo energia
ore 21.45 Presentazione ludica dei gruppi locali

Sabato 27

ore 7 Meditazione sulla spiaggia
ore 8 Colazione
ore 8.45 Plenaria di presentazione del tema e spunti di riflessione con Carlo Manna (ENEA, Responsabile Energie Rinnovabili) e Beniamino Benato (Fondatore di una società per la ricerca e lo sviluppo del rinnovabile)
ore 11 Lavori di gruppo:

  • Comportamenti e interventi per risparmio energetico in condomini
  • Comportamenti e interventi per il risparmio energetico in case singole
  • Progetti e idee per azioni rivolte alle amministrazioni sul tema dell’Energia
  • Progetti e idee alla formazione e alla sensibilizzazione sul tema dell’Energia

ore 12.30 Pranzo
ore 14.30 Laboratori
ore 18.30 Spiaggia!!!!
ore 19 Cena
ore 21 Serata di teatro e danze

<P LANG=”” ALIGN=JUSTIFY STYLE=”widows: 0; orphans: 0″>
<P LANG=”” ALIGN=JUSTIFY STYLE=”widows: 0; orphans: 0″> Domenica 28

ore 7 Meditazione sulla spiaggia
ore 8 Colazione
ore 8.45 Tavola rotonda: “Risparmio energetico ed energie rinnovabili:strade percorribili” con

  • Alessandro Maggioni: Assessore Urbanistica di Corbetta (Mi)
  • Sig. Burro – Legambiente
  • Marco Giusti (Agsm)
  • Sig. Valdegamberi (Sindaco di Badia Calavena) e Consigliere della Regione Veneto
  • Arch. Giancarlo Trevisiol

ore 11.30 Presentazione dati bilanci e riporto lavoro bambini conclusione
ore 13 Pranzo
Per chi lo desidera seguirà la celebrazione della Messa

 

SABATO POMERIGGIO….. LABORATORI!!!

  1. Autoproduzione saponi (Roma)
  2. Autoproduzione di meridiane (Bergamo)
  3. Pannelli solari casalinghi: autorpoduzione (Bergamo)
  4. Feste con i bambini (o pasta fatta in casa) (Legnano)
  5. Immersioni in apnea (Milano)
  6. Autoproduzione di candele di cera d’api (Udine)
  7. Autoproduzione di carta pregiata (Andrea)
  8. Spiritualità nel quotidiano (don Gianni)
  9. Approfondimento pratico su innovazione tecnologica per le energie rinnovabili (Verona e B. Benato)
  10. Casa Ecologica (Roberto Brambilla)
  11. Discussione sul futuro dell’Energia (Verona con C. Manna)
  12. Tecnologie edilizie ecocompatibili (Riccardo Stevanoni)
  13. Produzione di oggetti che si muovono col vento (Daniele di Bergamo)
    Chi partecipa a questo laboratorio deve portarsi bottiglie di plastica, lattine, stuzzicadenti lunghi (da spiedino), scotch, colla tipo vinavil, forbici e taglierino.
  14. Ripensiamo il nostro rapporto con la televisione e la pubblicità (Udine)
  15. Esperienze dal sud del mondo: Marina di Trieste ci parla della sua esperienza in Africa.

… se avete altre proposte, comunicatele immediatamente.

PER FARCI CONOSCERE DAL TERRITORIO CHE CI OSPITA

Assieme ai gruppi del Friuli Venezia Giulia stiamo lavorando perché la regione sia informata e possibilmente coinvolta dall’Incontro Annuale.
E’ possibile partecipare, anche solo in giornata, senza fermarsi per la notte e pagando i pasti.
Maggiori
informazioni possono essere richieste telefonando alla segreteria, al numero 041-5381479, oppure via mail all’indirizzo bdg-lignano2005(at)tiscali(punto)it oppure consultando il sito www.bilancidigiustizia.it

!!!!! ESSENZIALE !!!!!
PREPARIAMOCI CON… LE SCHEDE PER I LAVORI DI GRUPPO

Bilanci di Giustizia è sempre stata una Campagna molto pratica, che ha sempre chiesto agli aderenti di lavorare in prima persona per sostenere le proprie scelte, con lo stesso metodo vogliamo affrontare l’argomento dell’Energia!
Per portare concretamente l’esperienza di tutti i bilancisti all’Incontro Annuale è necessario che pervengano le seguenti schede:

  • Scheda sui consumi energetici dell’abitazione preparate dal Gruppo Energia,
    la compilano TUTTI i bilancisti, per quantificare quanto consumano le nostre case
  • Schede censimento interventi preparate dal Gruppo Energia (su impianti di solare termico, fotovoltaici, biomasse e isolamento della casa “cappotto”)
    le compilano SOLO i bilancisti chi hanno fatto uno o più di questi lavori
  • Schede per i lavori di gruppo dell’Incontro Annuale preparate dal Gruppo di Verona

TUTTI i partecipanti all’Incontro compilano UNA scheda, quella relativa al lavoro di gruppo a cui vogliono partecipare.
Le schede compilate vanno poi spedite al massimo entro il 31 luglio, perché possano essere elaborate in tempo per l’Incontro Annuale.

EMERGENZA SITO BILANCI

Come, purtroppo, avrete visto il sito dei Bilanci è andato in fumo e ha travolto anche la nostra e-mail e la mailing-list.
Luca e Marco si sono dati da fare a cercare un nuovo sito che potesse ospitarci per una cifra ragionevole, e con cui potessimo condividere anche una filosofia comune. E’ stato scelto Lillinet (www.lillinet.org), il sito della Rete di Lilliput.
Per chi non conoscesse questo particolare “provider” riportiamo alcune notizie della loro presentazione.
“ Lillinet è una iniziativa nata nel corso del 2003 all’interno della Rete di Lilliput con lo scopo di fare raccolta fondi per le attività della Rete. Il meccanismo utilizzato è quello di un servizio analogo a quello di molti provider, in cui l’utente finale non paga un canone di abbonamento, ma paga solo il tempo che rimane connesso.
Per chi allora l’ha pensata e promossa, Lillinet aveva però anche un altro scopo:
unire i consumi di molti utenti di servizi (telefonia e telecomunicazione per iniziare), con l’obiettivo di sottrarli all’economia tradizionale e spostarli verso l’economia solidale. Dopo meno di un anno dal suo avvio, la forte adesione in termini numerici (circa 3000 utenti) e il crescente interesse di diversi gruppi interessati all’economia solidale (G.A.S./R.E.S., Bilanci di Giustizia, …) ci confermano che l’intuizione iniziale era corretta: il mondo dell’economia solidale e’ pronto ad aprirsi al settore dei servizi.
Con questa ottica Lillinet sta muovendo i primi passi verso la costruzione di un progetto di economia solidale. I soggetti coinvolti fino ad ora sono ReteLilliput, la rete dei G.a.s., i Bilanci di Giustizia, l’Associazione Peacelink, la società OpenContent e la Cooperativa Sociale Il Gabbiano (Pisa), che fin dall’inizio è stato partner tecnico e personalità giuridica per Lillinet. Progressivamente Il Gabbiano dovrebbe assumere i pieni caratteri di fornitore e un lavoro retribuito dovrebbe sostituire lo sforzo fatto fino ad ora come volontari dal Gruppo di Lavoro Internet di ReteLilliput.
Lillinet utilizza, promuove e produce Software Libero per lo svolgimento dei propri servizi.
Lillinet adotta la trasparenza come metro di misura della propria alternatività al mercato tradizionale. Ci sembra questo il primo passo perché gli utenti di Lillinet possano compiere un acquisto consapevole. Con questo spirito abbiamo provato a spiegare fin dall’inizio il meccanismo a piramide con cui i servizi internet arrivano sul computer degli utenti, abbiamo spiegato agli utenti il ruolo ancora centrale dell’ex-monopolista Telcom Italia e abbiamo provato a presentare una sorta di “etichetta trasparente” della freenet di Lillinet, in cui fosse chiaro qual’è la ripartizione di costi e introito dei diversi attori coinvolti.
Il modello organizzativo a cui Lillinet si ispira è quello del Gruppo di Acquisto:
fino ad ora la modalità con cui Lillinet si è diffusa è quello del passa-parola tra le persone, oppure la sua presentazione fatta da lillipuziani in incontri pubblici o riunioni.
Soprattuto in questa direzione vogliamo spingerci adesso, accrescendo il coinvolgimento delle persone che scelgono Lillinet, tanto da riuscire a chiamarli sempre di più partecipanti al gruppo di acquisto, piuttosto che semplici utenti. Trattandosi di servizi telematici, distribuiti sul territorio nazionale, sappiamo bene che il compito che ci stiamo dando è arduo, ma è una sfida che riguarda tutti i soggetti che vogliono costruire un’economia diversa: siamo consci che l’autoproduzione di alcuni beni essenziali è un prerequisito a cui non possiamo rinunciare ed è ormai un patrimonio comune il concetto di rete di economia locale, non possiamo adesso sottrarci alla riflessione sul come affrontare il problema dei servizi che per loro natura richiedono una dimensione sovralocale.”
Con Lillinet avremo anche la possibilità di avere delle caselle di posta e delle mailing-list.
Marco e Luca stanno lavorando a fare il passaggio del nostro sito su lillinet, e il tutto dovrebbe essere completo e funzionante per i primi di luglio. Incrociamo tutti le dita….!!!