Incontro annuale: le voci 2

Puoi leggere la lettera mensile di ottobre con un riassunto dei commenti,

sotto invece li riportiamo integralmente:

DA LARA E STEFANO (BRUXELLES)

Aspetti positivi: incontro molto ricco di spunti e organizzato in un buon periodo (fine agosto), per ricominciare l’anno con una buona carica e tanti progetti.

Bella l’idea dello scambio dei libri.

Il posto: adatto all’evento, buoni gli spazi, all’aperto e dentro. Unico problema l’acustica della sala (rimbombi). Molto buona l’idea della cucina vegetariana e ottima la qualità dei prodotti.
Il gruppo: c’era l’aspettativa di un gran gruppo, invece la taglia più piccola ha favorito molto lo scambio diretto e la possibilità di conoscere un pó tutti. Essere nel gruppo non ci fa sentire soli nel fare scelte che possono sembrare controcorrente. Importante ritrovarsi una volta l’anno. Diverse cose (linguaggio, eventi,
gruppi di lavoro durante l’anno, ricerche) si danno per scontate perché  conosciute dalla maggioranza ma non dai nuovi. A volte era difficile per noi seguire alcuni discorsi o iniziative.

Metodo di lavoro: molto buono il modello dei testo-pretesto e degli input (lettura, testimoni, etc), lavoro in gruppi. Ottima la scelta di mischiare i gruppi alla fine ed evitare la plenaria. 

Molto apprezzato il laboratorio di up-Cycling (aspettiamo link via email) e le attività serali.

Mancata la valutazione finale dell’evento da parte dei partecipanti, magari un questionario?

Molto buono il lavoro organizzativo del gruppo di Pisa (grazie).

Un grosso grazie alle 2 animatrici che hanno seguito i bambini e agli scout che hanno dato un ottimo esempio di servizio al prossimo.
Tema: molto interessante. L’aspetto “lavoro” meriterebbe di essere approfondito. Ci sarebbero molte altre cose da esplorare. L’impressione è di aver toccato la punta dell’iceberg. 
Qualche punto interrogativo: i ‘fuori rotta’ che fanno? Qual’è il loro obbiettivo? Che ruolo hanno?
Le ricerche in corso, non abbiamo ancora le idee molto chiare…
Il gruppo a livello nazionale dove e quando si verifica, pianifica, decide, etc? (Antonella ci ha risposto ieri sera su questo punto :-))

….Ecco in breve le nostre impressioni.
Un abbraccio a tutti voi,

Lara e Stefano

 

DA MARCO E SIMONA 
(BOLOGNA)

E’ stata una bellissima esperienza, ci siamo trovati molto bene e i bambini si sono divertiti.
Abbiamo riscontrato un atmosfera conviviale grazie anche a
quelle famiglie che a rotazione durante i pasti si affiancavano a noi a mangiare…Era il momento opportuno per conoscersi un po’ di piu’ e condividere le esperienze personali; quindi il fatto di spostarsi ad ogni pasto è una bella trovata.
Mi capito’ un esperienza simile ad un film documentario sulla Transizione dove c’era anche il regista che chiese prima di inziare di scambiarci di posto e parlare per 16 minuti con una persona mai vista prima.
Insomma avere consosciuto tante famiglie di persone aperte ad un cambiamento culturale ci ha riempito di ulteriore speranza e gioia.
Un ringraziamento va fatto a chi si è occupato della cucina che ci ha fatto degli ottimi pasti apposta per noi e che comunque ho notato un uso sostenibile del cibo.
Inizio a fare qualche considerazione sull’ incontro nazionale.
Premesso che avendo conosciuto Bilanci di Giustizia solo un mese prima e non facendo parte di nessun gruppo siamo arrivati con poche informazioni e ignari di cosa si trattasse nello specifico.
Il lavoro di gruppo funziona .
Mi sembra che sia stato suddiviso proprio come ho letto nel manuale sulla transizione: Mente, cuore e mani; quindi una giornata dedicata alle riflessioni reali una alle sensazioni emozionali e la giornata del fare con laboratori.
Ecco una parte interessante che avrei inserito per prima sono le attività fatte da ciascun gruppo
durante l’anno in modo che se ci fosse qualche curioso ha il tempo nei giorni successivi di chiedere informazione direttamente .
Una idea sarebbe come fa il M5S nel suo incontro nazionale dove tutti i comuni o gruppi d’Italia espongono locandine e volantini con tutto quello che hanno fatto :Mozioni,interrogazioni ecc.
In questo modo si possono prendere spunti e si ha un immediato contatto con chi ha già effettuato quell’iniziativa. Quindi la distribuzione, il primo giorno di un incontro nazionale, da parte di ogni gruppo con scritto le iniziative intraprese durante l anno la troverei molto utile.
Forse avviene tramite un altro canale ?
Ti chiedo cortesemente di inoltrarmi le iniziative che ogni gruppo ha fatto in questi anni o un suo referente tramite email a cui chiedere.
Teniamoci in contatto e speriamo di rivederci presto
Augurandovi il meglio
Un Abbraccio da Bologna
Marco e Simona 

 

DA ANTONELLA (TRENTO)

Al ritorno da Calambrone 
vorrei ringraziare tutti e tutte 
E’ stato bello poter condividere speranze e fatiche, visioni e voglia di concretezza… 
Ho sentito che la nostra comune ricerca è possibile proprio per il contributo che ciascuno mette sia nella sua vita quotidiana che nel lavoro quando ci incontriamo! 

GRAZIE! 
Antonella 

 

DA FAUSTO (BRESCIA)

[…] Quanto alle impressioni, che dire? Mi porto dentro i volti di persone che so camminare, per vie diverse, nella stessa direzione. E frammenti di vita come tessere di un mosaico multicolore. Anche solo per questo – che non è poco – grazie!
Un abbraccio e a presto.

Fausto

DA FLORA (FIRENZE)
l’aspetto della convivialità ( non ricordo il termine esatto, ogni anno se ne inventa uno…) quest’anno l’ho vissuto con maggiore intensità e piacere per dirlo con Benigni: il “ricreativo” ha sicuramente prevalso sul “curturale”. ma forse era  proprio quello che cercavo io e quindi sono tornata a casa portandomi allegria ,
serenità, condivisione.
Del “curturale” mi piace la proposta di Francuccio che vorrei approfondire, con lui ovviamente.., per renderla  proponibile a livello politico.  
Sul  resto , siete stati veramente bravi: tempi, location, programma, cibo, cucina. La mia golosità è stata ampiamente soddisfatta ( ma non so se è un bene o
un male…!!). Unica nota critica sulla location …. il mare è quello che è ( ‘sti fiorentini.. pure bello lo vogliono!!…) !!!!!!, ma io rivoto per stesso luogo anche prossimo anno!!, in alternativa tutti in puglia da michele e mogliera!!…. 

flora

 

DA PIERSTEFANO (ROMA)
Ciao, a mio parere è stato un ottimo incontro annuale. Essenziale, ma ricco di contenuti e bella gente. Sostenibile, inteso come replicabile e non pesante, anche
se denso di temi importanti e fondamentali. Ottima la struttura che ci ha ospitato, estremamente versatile e adatta alle nostre esigenze. Così come il posto sul mare, vicino e facilmente raggiungibile. Il programma era intenso, ma non soffocante, c’era infatti la possibilità, per me fondamentale, di parlare e confrontarsi
con gli altri, ma soprattutto di approfondire i rapporti umani che ormai ci legano da alcuni anni, così da poter sentire il calore che ci contraddistingue. Insomma energia pura e, oserei dire, amicizia profonda che si respirava dal momento dell’arrivo fino ai saluti della sempre prematura partenza. Per me, che intendo
questi incontri come occasione conviviale più che di lavoro e approfondimento di temi a noi cari, un incontro che mi proietta già nell’attesa del prossimo. Una sola negatività, mancava la piscina!  
A presto amiche e amici!
Pierstefano

 

DA GIUSEPPE E ALESSIA (MONZA BRIANZA)
Posto – scelta positiva, da tenere in considerazione per il futuro. Da Milano 3 ore. Si potevano fare 4 passi per prendere un gelato o andare a fare il bagno
(aspetto positivo soprattutto con i ragazzi)
Metodo – positivo, a noi è piaciuto lo stimolo del testo pretesto dato dal testo e dal video. Anche il metodo degli interventi di Francuccio e Lucia e Cristina è  stata positiva, intervento+lavoro di gruppo+domande ai relatori, c’è stata una partecipazione attiva nostra e il fatto che ci si poteva relazionare con i relatori
facendo domande e chiedendo chiarimenti.
Tempi – ottimi
Mare – ok per noi ma in particolare per i figli 
Laboratori – ok tutto il pomeriggio, se a uno non interessava andava al mare o a fare un giro
Pasti – è mancata la pizza per i ragazzi per staccare con ceci e simili. I ragazzi hanno detto che siamo migliorati perché sono arrivati i salumi e la carne…… noi gli abbiamo spiegato che sono arrivati grazie al gruppo di Roma! Sono anni che dico che il menù vegetariano non aiuta la partecipazione! Va benissimo la
gestione delle verdure a buffet e la presenza di formaggi.
Lavori di gruppo – esperienza positiva di Alessia e anche mia come facilitatore, il gruppo non ha creato
difficoltà. Antonella T che era di supporto avendo partecipato a Sezano, è stata molto attiva.
Gruppo di Pisa – ottima organizzazione, ci piacerebbe sapere come è stata vissuta questa esperienza dal vostro gruppo (partecipare, gestire la logistica, problemi vari…..)
Caccia al tesoro – ottima. Bello il fatto che partecipino anche i ragazzi/bambini e soprattutto che nelle squadre si mescolano adulti, ragazzi e bambini di famiglie diverse

Serata con canzoni – è iniziata troppo tardi e purtroppo i ragazzi non hanno partecipato. Un’idea potrebbe essere di organizzare dei giochi come hanno fatto i romani che hanno coinvolto sia i genitori che i ragazzi (magari potrebbero organizzarli i ragazzi stessi!).

A presto,
Giuseppe e Alessia

 

DA GIANCARLO E MARINA (BORGOMANERO – NO)

GIANCARLO

Riporto 2 spunti di riflessione che mi sono portato a casa:

– “Tra il dire ed il fare c’è in mezzo il cominciare. ” (Francuccio)
– Ho rivalutato l’importanza della mediazione (o dell’utile compromesso) che consentendomi di evitare posizioni troppo “estremiste”, permette di relazionarmi con più efficacia con le persone che incontro. Così facendo, anche le mie pratiche “virtuose” divengono più facilmente replicabili, contagiando positivamente amici e conoscenti.

MARINA
– Ringrazio i facilitatori del mio gruppo: Antonella e Beppe, che hanno saputo far emergere  il meglio da ognuno di noi, creando la giusta atmosfera
all’interno del gruppo. Quest’anno, mi sono sentita ascoltata ed accolta in modo particolare.
Grazie ancora!!!
– Mi è spiaciuto per l’assenza di Don Gianni.

 

DA SERENELLA E ENRICO

Beh, ci ho pensato, la prima idea è che tutto sia andato bene. Poi ci ho pensato ancora, possibile che non ci sia niente da migliorare, e mi sono detta che per me è andato tutto nel migliore dei modi, non trovo difetti. 
È stato bello avere il gruppo di Pisa al gran completo, vedere anche delle facce nuove che vivacizzano
l’incontro. Benissimo il cibo e la logistica, i tempi a misura d’uomo e donna, insomma bene, non so che altro dire. 
Qualche foto c’è l’abbiamo, appena trovo un modo te le mando. Grazie a te e a tutto il gruppo di Pisa per il grande impegno profuso, si è visto! 
Ciao !