Giugno 2012

in questo numero:

– Incontro Annuale

– Incontro Referenti

-Tavolo Res

-Verso Venezia 2012

– ‘Stiamo lavorando per/con voi’

L’incontro annuale 2012 _ 23/26 agosto 12 Fanano di Modena

Molti mi chiedono come stanno i Bilanci. Alcuni pensano di valutare la salute dei Bilanci dal numero delle famiglie che vi aderiscono:”ma quanti siete?”Alla vigilia dell’Incontro Annuale sento il bisogno di dirvi il mio punto di vista. Secondo me l’esperienza dei Bilanci sta molto bene , ma in questo momento è in stand by.Sta bene perché chi vi partecipa si rende conto di aver trovato la compagnia giusta per vivere questo tempo di transizione , di passaggio dall’era del consumismo ad una nuova era in cui contano le relazioni , la creatività , il vivere con stile personale. Ma siamo anche in “surplace” in equilibrio su una bicicletta ferma. Sappiamo bene che viviamo i Bilanci “se continuiamo a curare sulla nostra vita personale e familiare il dinamismo del cambiamento, se riusciamo a condividere nel nostro gruppo locale le novità che stiamo vivendo: se troviamo il modo di lasciare traccia, di documentare i passaggi che stiamo attuando. È su come fare ripartire queste tre frecce che vorrei che cercassimo insieme a Fanano .Innanzitutto tutto su come riprendere la tensione al cambiamento. Abbiamo cominciato con lo “spostare ” i consumi e lo abbiamo documentato mettendo a confronto “usuale” e “spostato” .Chi entra nei Bilanci è indispensabile che misuri cosi la sua volontà e la sua capacità di cambiamento. Ma chi da anni ha già fatto questo, ha capito che il cambiamento va coltivato nel rivedere l’uso del tempo , l’apertura al territorio , nella qualità delle relazioni…eccc. Quanto riusciamo a “continuare a cambiare”? Quanto di questi nuovi obbiettivi riusciamo a parlare nel gruppo locale? Quanto riusciamo a lasciar traccia, a documentare questo percorso nel caso che riusciamo davvero a farlo?”La bicicletta” ci è stata data, è ora che ci rilanciamo in pista.

don Gianni Fazzini

PRIMA LA PRATICA

Anche quest’anno come l’anno scorso si è deciso di iniziare l’incontro con un laboratorio di avvio comunitario…Dopo l’esperienza dell’anno scorso dove fianco a fianco abbiamo iniziato a “cucire “tutti insieme l’incontro,” quest’anno come un ragno che tesse la sua ragnatela noi tesseremo il nostro incontro…uno per volta. Tutti sappiamo che gli arrivi del giovedì sono un po’ sfasati e non avendo potuto trovare, da programma, altro giorno per il laboratorio di avvio il gruppo di Mestre ha pensato che”anzitutto ognuno di noi deve portare un gomitolo di un qualsiasi filato e un oggetto, un pensiero, un qualche cosa di significativo per se stesso,che ci faccia dire quali sono le aspettative per ciò che si va a vivere. Si crea così una ragnatela tra tutti i partecipanti -ragazzi , adulti e bambini – che si amplia pian piano che arrivano le persone. All’arrivo di tutti si completerà la ragnatela e…..sarà poi bello, alla fine dei tre giorni, rileggere insieme ciò che avevamo scritto, e verificare con il nostro vissuto dei 3 giorni, le aspettative per l’incontro si saranno o no concretizzate”

Patrizia Boero

Cercasi tutor

Come dire di no ad una proposta simile?Giancarlo Bellosta ci scrive:

“Lancio la seguente piccola proposta. Qualche incontro fa si rifletteva in merito al fatto che le famiglie che per la prima volta partecipano all’incontro annuale, sono un po’ spaesate, soprattutto se non conoscono nessuno… Ebbene perché non “affianchiamo” le famiglie nuove ad altre che partecipano solitamente all’incontro annuale, affinchè queste ultime, con discrezione e semplicità aiutino le nuove a sentirsi accolte ed a proprio agio durante la permanenza a Fanano? Chiaramente questo non esenta tutti gli altri dall’accogliere i nuovi. Concludo rendendo la mia famiglia disponibile per questo servizi.”Operativamente le famiglie che si rendono disponibili potrebbero comunicare la loro disponibilità in segreteria, (e Giancarlo assegnerà ad ogni nuova famiglia, una disponibile all’accoglienza.)

Giancarlo Bellosta

Se all’ultimo momento avete avuto qualche idea su un nuovo laboratorio dove mettere a disposizione le vostre conoscenze sappiate che siete ancora in tempo per farlo!!Quindi non aspettate ancora e mandate in segreteria il titolo e due righe sul vostro laboratorio.

Cercasi laboratorio:

>Idraulica

>Piccoli ma grandi lavori di sartoria.

Il programma

GIOVEDI

7 00 laboratorio di avvio comunitario.

21 00 Presentazione dell’incontro a cura di: Fausto Piazza , Mirco Fagioli e Silvia Pozzi.

VENERDI

9.15 Appunti per una politica economica della decrescita felice con Emanuela d’Angelo coautrice del libro “Gli alberi non crescono fino al cielo”

10.30 Gruppi di lavoro : l’apporto dei bilancisti nel dilemma crescita/decrescita

15.00 Laboratori

21.00 Serata di festa insieme

SABATO

9.15

Relazione sul simposio del Wuppertal Institut “L’economia della sufficienza : ciò che manca nell’agenda per Rio sulla sufficienza”Con Antonella Valer

10 Gruppi di lavoro

16 00 Tavola rotonda con Maurizio Pallante , Francesco Gesualdi, Sbilanciamoci modera Antonella Valer

21.00 Serata a sorpresa

DOMENICA

9.00 Proposta di indicazioni per i Bilanci nel 2013 a cura di Mirco Fagioli, Silvia Pozzi eFausto Piazza.

Plenaria

Passerella delle attività dei bambini e dei Fuorirotta-

Tutto quello che ci siamo detti a Bologna

Verbale referenti del 16 giugno ’12

Presenti:Pierstefano Durantini, Angelo Giamberini, Mirco Fagioli, Vittorio Zanon, Luisa Bacca, Giuseppe Friggerio, Lucina Pase, Giovanna Maffeo, Patrizia Boero, Silvia Pozzi, Giovanni Marucci, Enrica Santinelli, Fausto Piazza, Antonella Valer (in collegamento via Skype) don Gianni, Mattia e Antonella.Nell’Incontro Referenti sono state condivise queste scelte: l’incontro sarà guidato e condotto da Mirco Fagioli, Fausto Piazza, e Silvia Pozzi, e svolgerà il tema che ci siamo dato “come Bilancisti vogliamo Crescere Decrescendo.” I tre conduttori prepareranno i facilitatori dei lavori di gruppo in modo che in tutti gruppi si elabori il tema dell’incontro.- La tavola rotonda sarà lo strumento per chiarire come i Bilancisti possono far rete con il Centro Nuovo Modello di Sviluppo con la Decrescita di Pallante e con Sbilanciamoci. Non si tratta di mettere in piedi un progetto politico La segreteria ha chiesto a Serenella e Patrizia di occuparsi dell’assegnazione delle stanze. Ringraziamo Giovanna per la passione con cui sta seguendo l’organizzazione dell’Incontro e Patrizia che l’ha accompagnata nel sopraluogo comune,ma di conoscerci meglio, di ascoltarci e di condividere una passione che ci accomuna. Dobbiamo far tesoro dell’esperienza di tre anni fa ad Oropa quando questo strumento (la tavola rotonda) non ha funzionato soprattutto perché non c’era stato un dialogo fra Bilanci e le altre realtà. Quindi si è deciso, di elaborare nei gruppi di lavoro di venerdì mattina l’apporto specifico dei Bilanci nel rapporto Crescita/Decrescita; i facilitatori dei gruppi riporteranno i risultati alla Tavola Rotonda e si confronteranno con gli altri partecipanti. È necessario che i tre conduttori diano indicazioni ad Antonella Valer su come condurre l’incontro.- Antonella Valer riferendo sull’incontro di Berlino ci ha riportato l’intervento di Cristina sul “lavoro di cura” .Questo tema ha destato interesse : si potrà utilizzare per approfondire come il lavoro di cura viene vissuto dai Bilancisti come Crescita e come Decrescita? Saranno poi importanti i gruppi di lavoro di domenica mattina per definire in modo realistico il percorso dei Bilanci nel 2013. È stato chiesto in modo pressante alla Segreteria di attivarsi perché possa continuare il Progetto Fuorirotta per gli adolescenti. È un esperienza preziosa che ci coinvolge tutti. È sempre forte l’esigenza di trovare un nuovo strumento per le famiglie storiche dei bilanci: è stato dunque deciso di inserire nella giornata di venerdì un nuovo laboratorio sulla scheda mensile. I facilitatori dei gruppi di lavoro individuati a Bologna dell’incontro annuale:Giovanni Marucci,Luisa Bacca, Giuseppe Friggerio,Francesca Rippa,Patrizo Suppa e Vittorio Zanon(come riserva)Queste persone condurranno i gruppi di lavori affiancati dai facilitatori formati da Mirco Fagioli per il Progetto con il Comune di Corsico “FA PROPRIO BENE”…Mirco Fagioli, Silvia Pozzi e Fausto Piazza lavoreranno in questi due mesi che precedono l’incontro insieme ai facilitatori dei gruppi per individuare le linee guida dell’incontro …la segreteria ha messo tutti in contatto via mail.Note tecniche:Enrica Santinelli e Lucina Pase si occuperanno di organizzare a Fanano una squadra che si occupi della sala da pranzo e di trovare una mamma che si occupa delle merende per i bambini…siamo in ottime mai direi

Note tecniche:

L’incontro annuale è stato inserito come tappa Verso Venezia 2012. Abbiamo ,inoltre ,contatto il Sindaco di Fanano e aperto l’incontro a tutta la cittadinanza di Fanano, invitando il Sindaco la responsabile del Turismo e il Parroco,oltre che tutta la cittadinanza, alla serata di giovedì sera. L’incontro Annuale dei Bilanci ha cosi attenuto il Patrocinio gratuito del Comune di Fanano.

Ricordarsi di portare asciugamani e lenzuola_

Tavolo Res___________________________________

“Ciao, mi fa piacere condividere con voi le mie impressioni a caldo, della tre giorni al Furlo all’assemblea GAS/DES venerdì sera, c’è stato il tavolo di lavoro della Rete di Economia Solidale. A mio avviso non è stato molto interessante,.Quello che ho capito è che vi sono un po’ di problemi organizzativi! Segreteria, divisione di compiti. etc. Il Sabato è stata la giornata più interessante. Ci siamo divisi in gruppi di lavoro ( nuova agricoltura, finanza, locale globale, )- Io ho partecipato al gruppo locale globale, dove eravamo una quarantina di persone. La cosa a mio avviso interessante, è stata l’ emergere del bisogno di partire dal micro , per poter pensare di condizionare il macro. Quindi accanto a temi generali, quali no tav, consumo di suolo, pace,etc. ci sono le tematiche legate al cambiamento personale. Uno dei temi che si è deciso quindi di approfondire in questo gruppo di lavoro, che dovrebbe poi continuare nel corso dell’anno,saranno gli stili di vita e la sobrietà. E’ emerso da molti, anche in contatti informali avuti durante queste giornate, come vi sia un bisogno/necessità di formare i nuovi gasisti. Spesso si avvicinano con bisogni, molto superficiali (cibo buono, salute), senza considerare le implicazioni più profonde. In questo mi sembra che la campagna di bilanci di giustizia. , potrebbe svolgere un ruolo prezioso. Qualcuno proponeva ad esempio una sorta di kit del nuovo gasista (vi ricorda qualche cosa ?), altri vorrebbero conoscere la scheda.. Perchè non pensare ad una scheda per gruppi gas? , chissà. Comunque mi è sembrato di percepire in questo movimento dei gas (di cui faccio parte ), un momento di riflessione e di paura di scollamento, tra un “vertice” fatto da persone “mature ” (le 200-300 persone presenti all’assemblea ) e le altre migliaia che ogni giorno si aggiungono ai gruppi locali. Diverse cose, date per scontate, non lo sono per nulla .La Domenica mattina, in plenaria, si è cercato di fare sintesi di tutte le istanze, con scarso successo. La cosa più interessante, per concludere, sono state come sempre gli scambi personali, le esperienze riportate (la certificazione partecipata, l’esperienza di made in no, la nuova offerta di CAES, per le assicurazioni, l’accordo maturato tra rete energia e coenergia,etc), e questa necessità di far maturare le persone sulle proprie scelte. Chissà….”

Mirco Fagioli

Verso Venezia 2012_________________________________________

Si va delineando il programma della conferenza sulla decrescita Venezia 2012: si inizierà il 19 settembre con una assemblea aperta alla cittadinanza con i rettori delle due università promotrici (IUAV Venezia e Udine) e poi Serge Latouche, colui a cui più va il merito di aver promotrici (IUAV Venezia e Udine) e poi Serge Latouche, colui a cui più va il merito di aver fatto dello decrescita un pensiero quasi teorico, Helena Noeberg-Hodge, scrittrice australiana, attivista e autrice del film “L’economia della felicità”, Tim Jackson, economista capo di uno staff governativo della Gran Bretagna che ha redatto il rapporto “Prosperità senza crescita”, e Rob Hopkins, il fondatore delle Transition Towns.Altri importanti autori, animatori di movimenti sociali e studiosi sono attesi nelle varie sedute plenarie che si svolgeranno in un grande tendone allestito nel quartiere di Santa Marta, dove si svolgeranno tutte le attività seminariali. Gli oltre settanta workshops saranno il cuore della conferenza. Si svolgeranno lungo tre grandi filoni: “Commons”, introdotto da Gustavo Soto, boliviano, direttore del Centro studi sui diritti economici, sociali e culturali, Emmanuel N’dione, sociologo senegalese e Alberto Lucarelli, assessore ai beni comuni e alla partecipazione del comune di Napoli; “Work”, introdotto da Silvia Pérez-Vittoria, economista e sociologa dell’associazione La Ligne d’Horizon, Colin C. Williams, dell’università di Sheffield, Maurizio Pallante del Movimento per la decrescita felice e Mario Agostinelli del contratto mondiale per l’energia e il clima; “Democracy”, introdotto da Guorùn Pétursdòttir, presidente del comitato per la nuova costituzione islandese, Alfredo Pena-Vega del centro Edgar Morin, Marco Revelli e Marco Deriu noti sociologi italiani. La chiusura, infine, la mattina della domenica 23 settembre, è stata affidata a Mary Mellor, Joan Martinez Alier, Giogos Kallis e Mauro Bonaiuti. Non basta. Per dieci giorni in città si svolgerà una fiera dell’altra economia solidale e sociale, articolata su varie piazze tematiche, sia a Mestre che a Venezia, con presentazioni di libri e riviste e alcuni “fuoriprogramma” serali imperdibili: il 19 ai saloni del Sale dibattito su “La repubblica del 99%” con Ignacio Ramonet, Alberto Magnaghi, Mario Pezzella, Luca Casarini e Gigi Sullo. Il giorno dopo, invece, nella basilica dei Frari, Marcelo Barros, vescovo brasiliano, Alex Zanotelli, missionario comboniano, e Serge Latouche discuteranno con don Gianni Fazzini di “Decrescita e Spiritualità. Sentieri per una ri-conversione ecologica della società”.Il gruppo di Mestre dei Bilanci di Giustizia hanno avuto l’incarico di monitorare l’impatto ambientale dell’Evento.

Ospitalità per la Conferenza: Il gruppo di Mestre, fino ad esaurimento posti disponibili, offre ospitalità ai bilancisti che intendono venire a Venezia alla Conferenza. Abbiamo bisogno che comunichiate entro l’11 luglio alla segreteria la vostra richiesta di ospitalità poiché nel caso avanzassero posti letto vorremmo offrirli alla segreteria della conferenza per l’ospitalità ad altri partecipanti

Stiamo lavorando per/con voi_ ____________________________________

Nel mese di giugno abbiamo:

.Risposto a e-mail e telefonate

..Preparato la Lettera Mensile di Giugno

…Lavorato in preparazione per l’Incontro Annuale

…..Presentato i Bilanci a Ceggia

…..Presentato i Bilanci a Bari

……Incontrato i Referenti a Bologna

……. Incontrato i ragazzi dei Fuorirotta nell’incontro veneziano