Verbale del Gruppo di Bruxelles

C’erano Stefano, Lara, Stefano, Anto, Marzio, Sabina, Guido, Federica, Wim, Gabriella, Davide, Yael.

Ospite: Laurence.

 

Sintesi: Presentazione del concetto di acquaponia e di un progetto pilota a Bruxelles. Lavoro individuale sull’obiettivo del mese, da verificare al prossimo incontro.

 

Durante la cena di condivisione, abbiamo ascoltato Laurence Vanneyre che ci ha parlato del progetto di acquaponia (http://fr.ulule.com/aquaponie/).Acquapo

La parola acquaponia deriva dalla contrazione dei termini acquacoltura e idroponia. Questa pratica consiste nell’accoppiare la produzione di pesci (acquacoltura) lalla produzione di piante in coltura idroponica (fuori suolo). L’acqua necessaria ai pesci e alle piante circola in un circuito chiuso.

 

In questo circuito chiuso, l’acqua si arricchisce di sostanze nutritive grazie agli escrementi dei pesci. Viene poi filtrata nei recipienti di coltura idroponica, dove le piante insieme con i batteri sviluppano gli elementi necessari per la loro crescita. Utilizzando la complementarità pianta-pesce, si riesce a mantenere la qualità dell’acqua per allevare pesci contemporaneamente alla produzione di verdure, riducendo al minimo lo spreco di risorse. Vantaggi importanti del metodo sono l’assenza di pesticidi e di antibiotici assieme all’uso ottimale di acqua e superficie. Il progetto della cooperativa Eco-Innovation è per ora solo un prototipo, i finanziamenti per continuare la ricerca e sviluppare ulteriormente il ciclo sono difficili da ottenere.

Segue discussione e domande da parte di tutti.

 

Dopo cena, passamo a lavorare da “bilancisti” in modo concreto e misurabile: ciascuno scrive su una scheda mensile gli obiettivi di micro-cambiamento per il prossimo mese. Poi gli obiettivi vengono comunicati a tutti ad alta voce. Ci si accorda di verificarne il raggiungimento (o meno) al prossimo incontro.

 

Infine, si discute dell’organizzazione del corso di cucina-scambio di saperi e gusti per questo’anno. Si esaminano le opzioni per trovare una sala e per contenere i costi. Siamo tutti d’accordo di dedicare un sabato o domenica pomeriggio nei fine settimana. Federica si offre di raccogliere le informazioni e le idee di tutti per poi stilare una bozza di programma, con contenuti e possibili luoghi. Ognuno si impegna a comunicare proposte a Federica al più presto.

 

Anto e Marzio riportano sull’incontro nazionale cui hanno partecipato (anche Federica ha partecipato per un giorno), lo scorso fine agosto marzo a Bergamo. Come anticipato, il tema principale era esplorare il rapporto tra i valori delle società matrilineari e matrifocali antiche e moderne e il pensiero della decrescita. Altro tema è stata la filiera del tessile. Hanno anche partecipato alla Informano il gruppo che Anto si è resa disponibile ad entrare nella Segreteria allargata (riunioni quindicinali via skype).

Infine, Marzio e Anto raccontano brevemente della serata con Serge Latouche il 1 ottobre a Liegi e ricordano a tutti dell’invito a dare una testimonianza sui Bilanci di Giustizia presso la comunità delle Sorelle dell’Assunzione, a Boitsfort previsto per il 18 ottobre. Un’oretta di presentazione e di domande sulla nascita, sul metodo e sulle sfide aperte dai Bilanci di Giustizia e di come si è costituito il gruppo di Bruxelles. Potrebbe essere che altre comunità si interessino…. 🙂

 

Il prossimo incontro, fissato per il 14 novembre alle 19.00, si svolgerà a casa di Federica e Wim (e non da Anto e Marzio come programmato in precedenza!).