Dal gruppo di Bruxelles

Il gruppo BdG Bruxelles ha pensato bene di sperimentarsi in un mercatino dell’usato per finanziare la campagna di Bilanci e per stare assieme facendo uno dei tanti possibili gesti bilancisti: il riuso.

    Lara e Stefano hanno offerto casa loro, molto vicina alla piazza della ‘brocante”, come base logistica, per riunire tutti i bimbi e bimbe ed infine per ospitare la cena a conclusione di una giornata baciata dal sole e dai molti incontri, domande, risate e scambi. Carlo ed Annalisa hanno preparato chili di insalata di riso per carburare i turnisti.
Federica, Wim e Isabelle hanno preparato i cartelloni in due lingue (francese e fiammingo) che tanto hanno aiutato ad illustrare i principi del movimento bilancista e a presentare i valori in cui il gruppo di Bruxelles si riconosce.

 

 
Margaret ha esposto i suoi bijoux realizzati con le capsule tipo nespresso, un successone! Tutti hanno partecipato ai turni, coordinati con grande maestria da Stefano. Enrico ha provveduto ai grandi tavoli 
e ha presenziato a tutti i turni. Paola ha abilmente negoziato, scontando a più non posso anche a chi non chiedeva sconti.
 
 
 
Ecco alcune delle riflessioni direttamente dalle loro voci, per condividere con voi alcune emozioni e sensazioni: 
“Poche parole non bastano per dire i momenti o fatti preferiti della giornata di sabato: ho passato tre ore e mezza di puro piacere condiviso con persone che ho conosciuto solo otto mesi fa che già hanno preso un posto importante nel mio progetto di vita: grazie a voi tutti!”
 
E’ stato affascinante vedere sabato, l’evoluzione della giornata tra coloro che installano dalle 6 e mezza di mattina, coloro che corrono dietro il responsabile dei posti per esporre le loro merci, quelli che sono brocanteurs di mestiere, coloro che imparano sul campo a vendere ed a trattare, gli invitati ai matrimoni al comune che passano accanto a noi con uomini eleganti incravattati e donne e ragazze  con vestiti attillati tacchi vertiginosi che si incastrano tra i sampietrini, i contatti con quelli che leggevano i cartelloni di Bilanci e che reagivano anche senza interpellarci etc etc..”
 
 
“La cena a casa di Stefano e Lara: un finale di giornata all together con brindisi finale, ricchi premi e cotillon.” 
 
“Per chi ha bambini …potete portarli tutti! Organizzeremo qualche attività. Per chi non ha bambini…potete provare l’ebrezza di gestirne un po’ 🙂 “
“Eccoci rientrati stanchissimi ma molto soddisfatti di questa bella giornata! Grazie ancora al super manager e a Lara per l’organizzazione e per l’ospitalità a casa loro e a tutto il gruppo per l’eccellente team spirit. “
 
 
 
Non si potranno scordare facilmente: gli sconti di Paoletta la lunga fila di fiamminghi a leggere i cartelloni della Fede il successo dei cartelloni di Isabella in francesei 13 kg di insalata di riso dei coniugi Gubi le bellissime creazioni di Margaret il supporto logistico della Paoletti ma soprattutto lui, impavido, 12 ore al pezzo, sempre in piedi, corroso dal sole, amico del Sindaco di Saint Gilles (che ha anche visitato il nostro stand), venditore di libri d’assalto….il grande Enrico!!!!
il contatto con le persone che vivono a di fuori del contesto ovattato che circonda la mia vita.
il sorriso della mamma che incredula ci richiede il prezzo della scatola piena di piccoli giochi e la dona a suo figlio.”

“Il valore immenso delle relazioni e dell’amicizia e l’importanza di crearne per generare massa critica condividendo valori”
“Un esempio molto bello di diversità ed accoglienza spiegato con i fatti ai nostri figli che purtroppo vivono quotidianamente in una realtà molto meno variopinta” 
“Il sole, la tranquillità, lo stare insieme ad un ritmo diverso, incontrare la faccia della gente in strada, bellissimo! ”
“La signora del banchetto accanto che “faccio le brocantes così metto da parte qualche soldo in più per tornare al paese”