Fare i detersivi in casa

Cosa c’è di più ecologico di un detersivo fatto con succo di limone, aceto e sale?

Consigli ed esperienze dell’incontro BI-Veneto Bilanci di Giustizia Ottobre 1999

SODA: carbonato di sodio, alcalina, se usata a caldo ha la proprietà di sciogliere lo sporco.

SAPONATA: 600 gr . di sapone di Marsiglia in 5 l. di acqua piovana (al posto dell’acqua distillata). Far bollire l’acqua e i pezzi di sapone finché non saranno completamente sciolti.

POTASSA: potassio carbonato 98-100% non di facile reperibilità in quanto viene utilizzata nei processi di lavorazione chimici e non dall’utente finale (tramite amici farmacisti p.e.). E’ più basica (potente) della soda.

SAPONE PER LE MANI: aggiungere alla saponata acqua quanto basta per diventare liquido. Finché è ancora tiepido aggiungere l’essenza preferita (limone, lavanda ecc.)

PER I PIDOCCHI VERDI: 100 gr. di saponata, 1 l. di acqua, 100 gr di olio di semi di arachide.

Sciogliere la saponata nell’acqua, quando è ancora tiepido aggiungere l’olio ed emulsionare energicamente. Si usa 1 dose di questo composto con 10 dosi di acqua in uno spruzzatore. Ottimo per le rose e i fagiolini. E’ inefficace contro i pidocchi neri.

DETERSIVO IN POLVERE
Per capi resistenti molto sporchi:

Strofinare le macchie o le parti più sporche con la saponata (a freddo), mettere i panni nella lavatrice e aggiungere, direttamente nel cestello, un pugno di soda. Avviare la lavatrice per il carico dell’acqua quindi spegnerla e lasciare la biancheria in ammollo per alcune ore. In base alla durezza dell’acqua può variare in più o in meno la quantità di soda: bisogna provare.

Attenzione: la soda non va messa nella vaschetta del detersivo perché potrebbe “cementarsi” e arrivare a rovinare la lavatrice. Si potrebbe eventualmente far sciogliere la soda sbattendola in un vasetto con qualche cucchiaio di acqua calda e metterla nella lavatrice mentre sta caricando l’acqua.

Per capi resistenti normalmente sporchi:

1-1/2 kg di scaglie di sapone di Marsiglia, 750 gr. di soda, 2 cucchiai di acqua piovana (non indispensabile).

Mettere le scaglie di sapone e soda in un contenitore fornito di coperchio e mescolare con un grande mestolo di legno. Mentre mescolate spruzzarvi lentamente sopra l’acqua , finché la soda aderisce bene alle scaglie. In tal modo le scaglie di sapone e la soda non si separeranno nuovamente e il risultato del lavaggio si manterrà costante. (Dall’esperienza fatta risulta che si ottengono buoni risultati anche senza utilizzare l’acqua.)

Si conserva per circa 8 mesi.

Dosi: circa 1-1/2 cucchiai colmi per lavaggio.

DETERSIVO LIQUIDO
Per capi molto sporchi

50 gr di saponata, 1200 ml di acqua piovana, 200 gr di potassa.

Mettere l’acqua in una pentola smaltata e riscaldarla lentamente. Aggiungere la potassa e scioglierla completamente. Versare le scaglie di sapone e scioglierle mescolando in continuazione, senza far bollire. Lasciar quindi raffreddare il detersivo. Mescolare un paio di volte e filtrare quindi attraverso un colino da cucina e versare in una bottiglia di plastica.

Si conserva per circa 3 mesi.

Dosi: circa 30 ml per lavatrice, per lavaggi a mano 10 ml in 10 l di acqua.

Per capi normalmente sporchi
200 gr di saponata, 1200 ml di acqua piovana, 40 gr di potassa.

Mettere l’acqua in una pentola smaltata e riscaldarla lentamente. Aggiungere la potassa e scioglierla completamente. Versare le scaglie di sapone e scioglierle mescolando in continuazione, senza far bollire. Lasciar quindi raffreddare il detersivo. Mescolare un paio di volte e filtrare quindi attraverso un colino da cucina e versare in una bottiglia di plastica. Si conserva per circa 3 mesi.

Dosi: circa 80 ml per lavatrice.

DETERSIVO PER LAVASTOVIGLIE E PER I PIATTI
200 gr sale grosso, 100 gr aceto bianco, 400 gr acqua, 3 limoni interi con buccia.

Mettere i limoni e il sale nel frullatore per 20 sec. Mettere sul fuoco e aggiungere l’acqua e l’aceto, far bollire per circa 15 min. sbattendo con una frusta. Conservare in barattolo di vetro.

Dosi: due cucchiai nella vaschetta della lavastoviglie o quanto basta sulla spugna per lavaggi a mano.

Il brillantante può essere sostituito con l’aceto e il sale per lavastoviglie con sale grosso da cucina.

Si può usare anche la cenere fatta bollire in acqua per 10 min. e filtrata.

DETERSIVO PER WC
25 gr. di acido citrico (succo di limone), 210 ml di acqua, 10 ml di detersivo per i stoviglie, 5 gocce di olio essenziale. al limone.

DECALCIFICANTE
mezzo litro di aceto di mele e 3 cucchiai di acido citrico (succo di limone).

ALTRI UTILIZZI DELLA SODA
– Ottima per sgrassare, lavare , pulire, deodorare tutte le superfici lavabili come mobili laccati, finestre, tapparelle, pavimenti, lavello della cucina, sanitari del bagno, specchi. Risciacquare accuratamente con acqua corrente le superfici che andranno a contatto con gli alimenti o del bagno.

Dose: sciogliere 1 cucchiaio di soda in 5 l d’acqua calda. (aumentando fino a 2 cucchiai all’aumentare della durezza dell’acqua)

Non usare su alluminio, legno e cotto.

– Ottimo rimedio per pulire e togliere i depositi di vino dalle bottiglie. Riempire ogni bottiglia circa a metà con una soluzione di acqua tiepida e soda, quindi tappandola con una mano, agitarla vigorosamente fino a che la bottiglia non risulti perfettamente pulita. Gettare la soluzione sporca e sciacquare la bottiglia molto bene con acqua corrente quindi per asciugarla lasciarla scolare capovolta all’ombra.

Dosi: 30-40 gr di soda in 1 litro di acqua.

Vetri e specchi e pulizia rapida di piastrelle e superfici
Mettere in una bottiglia con spruzzatore un quarto di litro di acqua, mezzo bicchiere di aceto, mezzo bicchiere di alcool e tre gocce di liquido per stoviglie. Spruzzare il liquido, in piccola quantità, sulla superficie da pulire, quindi asciugare strofinando con un panno asciutto o con carta di giornale.

Pavimenti non porosi (piastrelle, parquet verniciato, marmo lucidato)
Versare nel secchio di acqua calda da mezzo a un cucchiaio di liquido per stoviglie e mezzo bicchiere di aceto bianco; per disinfettare aggiungere anche 5 gocce di olio essenziale di timo. Se il detergente è stato dosato correttamente, non sarà necessario risciacquare.

Pavimenti non porosi (cotto, graniglia, pietra)
Sapone di Marsiglia (strofinare il pezzo di sapone sullo straccio bagnato).

Sanitari, lavelli in acciaio o ceramica, formica, superfici smaltate
Sapone di Marsiglia (strofinarne un po’ sullo straccetto); il risciacquo è facilissimo. Per sporco resistente (cappa, fornelli, sporco vecchio, piatto doccia) preparare una polvere detergente mescolando, in un barattolo di vetro con coperchio ermetico, 2 cucchiai di argilla bianca, un cucchiaio di pomice, un cucchiaio di soda e dieci gocce di olio essenziale di bergamotto. Si usa come una comune polvere abrasiva ed è ottima anche come detergente battericida per sanitari. Come anticalcare e lucidante usare aceto bianco.

Sapone universale
Ingredienti per 15 pezzi di sapone circa:
5 litri di acqua
1 litro di olio di oliva
180 gr di soda caustica

Ottimo per tutti gli usi, dalla pelle delicata dei neonati al lavaggio della biancheria, dai piatti alle mani.
Versare gli ingredienti in una pentola dalle pareti alte. Far cuocere per dieci ore circa a fuoco lento. Durante la cottura fare attenzione perché il contenuto, bollendo, può fuoriuscire; per impedire che ciò avvenga aggiungere un po’ di acqua fredda. Il sapone è pronto quando, versandone un po’ e facendolo raffreddare, diventa duro e liscio. Una volta raffreddato il sapone va tagliato in pezzi e fatto seccare. Sarà pronto in circa sei mesi.
Per ottenere saponi a base di essenze di erbe e fiori aggiungere all’acqua utilizzata infusi di alloro, camomilla, lavanda, petali di rosa, malva, ortica, chicchi di avena.
Questo sapone funziona benissimo anche per il lavaggio in lavatrice, mettendone direttamente un pezzo nel cestello dei panni.